Avvitatori ad aria compressa: cosa sono e come si usano

Un avvitatore pneumatico è un attrezzo particolarmente utile e pratico, che consente di approfittare di una serie di vantaggi non presenti nei modelli elettrici. Funziona grazie all’aria compressa, che ovviamente deve essere prodotta da un compressore. Questo comporta alcune minime limitazioni, che però si scordano rapidamente durante l’utilizzo, vista la praticità di questo tipo di utensile.

Perché l’aria compressa
Capire perché siano disponibili attrezzi ad aria compressa è abbastanza facile. Tramite un compressore è infatti semplice produrre aria compressa; il compressore è solitamente costituito da un piccolo motore elettrico e da un serbatoio, più o meno ampio a seconda dei modelli. Con alcuni minuti di funzionamento il compressore riempie il serbatoio di aria compressa, che potrà essere utilizzata per qualsiasi scopo, approfittando anche di appositi utensili da collegare tramite un tubo al serbatoio stesso. Un esempio è l’avvitatore mod 603: la forma semplice, il peso minimo, una grande forza e minimo rumore e vibrazioni, queste sono le caratteristiche principali di questo avvitatore. Come si può ben vedere dalle fotografie, gli avvitatori pneumatici sono leggeri e snelli; il loro corpo infatti non deve ospitare alcun tipo di motore, visto che è il compressore a fornire l’energia necessaria per il funzionamento dell’attrezzo.

I vantaggi di un utensile pneumatico
Alcune dei vantaggi correlati all’utilizzo di utensili pneumatici li abbiamo già indicati, derivano in gran parte dall’assenza di un motore, che è invece presente in un qualsiasi attrezzo elettrico. Che si tratti di un avvitatore a batterie o con cavo elettrico, gli strumenti tradizionali comprendono anche un piccolo motore elettrico, che conferisce loro anche buona parte del loro peso. Un avvitatore ad aria compressa è quindi molto più leggero, ma anche più sicuro, visto che non comporta estrema vicinanza a una fonte di energia elettrica. Li si potrà utilizzare quindi anche in zone particolarmente umide, fornendoli ovviamente di un tubo opportunamente lungo. Oltre a questo, in linea generale gli utensili pneumatici tendono ad essere molto più potenti rispetto agli omologhi con motore elettrico. Il modello 603 è di tipo lineare, esistono però anche modelli a impulsi, che producono una forza torcente ma anche battente: l’utilizzatore non deve fare alcuno sforzo, neppure per svitare viti difficili, che non si svitano da anni.Il costo
Fino ad alcuni anni fa gli avvitatori e gli utensili ad aria compressa erano pensati quasi esclusivamente per l’utilizzo professionale. Per questo motivo erano disponibili principalmente attrezzi dal costo decisamente elevato. Oggi invece questo ambito si è aperto anche agli hobbisti, quindi è facile trovare nei negozi di attrezzature per il fai da te avvitatori ad aria compressa di varie tipologie, con prezzi che partono da poche decine di euro, proprio come avviene con gli avvitatori elettrici. Chiaramente il costo rispecchia in modo preciso l’effettiva robustezza dell’attrezzo che si sta acquistando. È importante anche valutare che l’avvitatore andrà collegato a un compressore; anche di questi se ne trovano in commercio vari modelli, più o meno grandi e potenti. Al compressore però si potranno collegare molti altri utensili, per molteplici utilizzi.